17
Wed, Apr

Ieri a Pinzolo l’emozionante concerto evento di Ron

Pinzolo
Typography

 

 

PINZOLO. Ieri sera a Pinzolo, in una gremita piazza San Giacomo, il concerto-evento di Ron che si è esibito in una delle tappe del live tour “Non abbiam bisogno di parole”, in trio acustico con Roberto di Virgilio alle chitarre e Giuseppe Tassoni al pianoforte e tastiere.

 

 

Inserito nel programma collaterale del ritiro calcistico del Bologna Fc 1909, il concerto è iniziato con la consegna della “doppia maglia” a Ron: quella dei rossoblù consegnata al cantautore dall’Amministratore delegato Claudio Fenucci e dal capitano del team calcistico Roberto Soriano e quella della destinazione Madonna di Campiglio (il primo capo del nuovo merchandising con il nuovo marchio) consegnata al cantautore da parte del sindaco di Pinzolo Michele Cereghini e del presidente di Azienda per il Turismo Tullio Serafini.

Ron, artista raffinato e sensibile, con una delle carriere più prestigiose e longeve del panorama musicale italiano, ha poi proseguito cantando alcuni dei più importanti successi dei suoi cinquant’anni carriera, rimasti impressi nella memoria collettiva, e molti dei quali tuttora tra i più programmati nelle hit radio. È sua, secondo molti famosi interpreti, la canzone italiana più bella di sempre: “Chissà se lo sai”, scritta dallo stesso Ron insieme a Lucio Dalla. Nella seconda parte dell’esibizione Ron ha cantato anche alcuni dei più bei successi cantati da Dalla, da “Attenti al lupo” a “Piazza Grande”, entrambi scritti dallo stesso Ron.

Il concerto fa parte del tour “Non abbiam bisogno di parole” e prende spunto dall’antologia che celebra i cinquant’anni di carriera di Ron, declinata anche in due doppi cd con 67 grandi successi pubblicati lo scorso mese di maggio. Sempre a maggio è stata pubblicata la nuova canzone “Più di quanto ti ho amato” che farà parte dell’album di inediti in uscita il prossimo mese di settembre 2022.

Una bella serata di musica e sport con i giocatori del Bologna Fc 1909 in prima fila ad ascoltare Ron e tanti, tantissimi applausi da parte del pubblico di Pinzolo.