24
Fri, Jun

Venerdì sera ci ha lasciato il cavalier Angiolino Binelli. Da qualche mese era ospite della Casa di Riposo Abelardo Collini di Pinzolo. I funerali avranno luogo martedì alle 17.00. Cosa abbia rappresentato per la comunità di Pinzolo lo prendiamo dal volumetto che ricorda i 50 anni della Targa d’Argento – Premio Internazionale della Solidarietà Alpina celebratisi lo scorso settembre : “Angiolino non era solo un uomo di montagna, ma un uomo vero, autentico. Quello che diceva faceva, senza girarci tanto intorno. Se aveva un obiettivo è sicuro che lo avrebbe raggiunto dato il suo spirito tenace, caparbio, ostinato. Nessun ostacolo era mai riuscito a fermarlo. Questo suo modo di essere, originale, un po’ fuori dagli schemi, faceva parte della sua natura si può dire fin da ragazzo. Lui riusciva a dire e a fare quello che tutti pensavano. La comunità di Pinzolo era la sua famiglia.

Lui si è sempre prestato con generosità e altruismo, promuovendo iniziative in tanti campi: nello sport come capitano dell’U.S. Pinzolo, nel volontariato (AVIS, AIDO, protezione animali), nella vita sociale (sicurezza e cura del paese), anche rimettendoci del proprio: tempo e denaro. Entrato fin da giovane nella Stazione di Soccorso Alpino di Pinzolo, la prima fondata in Italia nel 1952, a ogni chiamata lui, calzolaio di professione, lasciava gli arnesi sul banco di lavoro e il suo negozio per correre dove c’era bisogno di aiuto. Quando ne divenne il responsabile, per rendere più efficiente il servizio, dotò la stazione di un’ambulanza acquistata a sue spese e promosse il collegamento radio, 24 ore su 24, con i rifugi delle montagne che circondano Pinzolo. Per tutto questo suo prodigarsi generoso e disinteressato ha ottenuto importanti riconoscimenti: dal titolo di cavaliere al Premio del Cardo,  primo socio  onorario del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, il Premio “Mens Sana in Corpore Sano”, il Premio “Uomini e Montagne” di Bormio, il Premio Marcello Meroni per la sezione solidarietà e la soddisfazione di essere ricevuto al Quirinale dai Presidenti della Repubblica Scalfaro e Ciampi nonché in udienza speciale in Vaticano da Papa Woytila e da Benedetto XVI. Solo una testa come la sua poteva partorire l’idea  di istituire la Targa d’Argento – Premio Internazionale di Solidarietà Alpina. Un’idea che ha saputo portare avanti per ben 50 anni e far conoscere e apprezzare in tutto il mondo, partita da una piccola realtà valligiana. Oggi il Premio Internazionale di Solidarietà Alpina, nel mondo della montagna, è uno dei più prestigiosi e ambiti riconoscimenti in campo internazionale….” Con la sua dipartita Pinzolo ha perso una personalità e insieme un personaggio che ha caratterizzato la sua crescita nel campo del sociale, dell’umanità e della promozione del territorio. Continuerà a vivere nel ricordo di chi gli ha voluto bene e nel  Premio che ha istituito.

 

PINZOLO. Una Casa Museo dell’Emigrazione sarà possibile realizzarla? Ebbene proprio per esaminare la sua fattibilità il Centro Studi Judicaria promuove la presentazione del progetto “Casa Museo dell’Emigrazione” nella sala del Teatro del Paladolomiti di Pinzolo venerdì 10 giugno alle ore 16.30. Il programma prevede: i saluti di Michele Cereghini sindaco di Pinzolo, del Presidente del Centro Studi Judicaria Danilo Mussi e delle autorità.

 

 

Seguiranno poi le relazioni di Giuliano Beltrami per il Centro Studi Judicaria, Pierangelo Campodonico - Direttore del MEI - Museo del Emigrazione Italiana di Genova e Armando Maistri Presidente dell’Associazione Trentini nel Mondo. Moderatrice sarà la giornalista Jessica Pellegrino. Seguirà rinfresco offerto dalla Pro Loco di Pinzolo.

 

 

PINZOLO. E' tornata a svolgersi la tradizionale "Festa degli Alberi" organizzata dal Comune di Pinzolo anche per quest'anno scolastico, in collaborazione con l’Autorità forestale e il servizio di custodia forestale, per gli alunni della Scuola Primaria di Pinzolo e M. di Campiglio dell’Istituto Comprensivo Val Rendena.

 

La piantumazione degli alberelli si è tenuta ieri, lunedì 30 maggio, in località "Plaza” a S. Antonio di Mavignola, alla presenza dell'Amministrazione Comunale, di don Flavio e don Samuele.

 

 

 

La celebrazione della Festa degli Alberi è da ritenersi educativa e importante – scrivono dall'Amministrazione comunale di Pinzolo - in quanto ha lo scopo di sensibilizzare i giovani sulle tematiche relative alla salvaguardia delle risorse fitogenetiche e di promuovere una cultura agricola sostenibile.”

 

È inoltre un'occasione per gli alunni – concludono - per trascorrere una giornata di amicizia e allegria immersi nella natura.”

 

 

PINZOLO. Oggi 19 maggio Lefay Resort & SPA Dolomiti riapre le sue porte per riaccogliere gli Ospiti nell’incontaminato scenario della natura, rifiorita alla primavera.

 

 

29 Riconoscimenti internazionali ottenuti in appena tre anni di apertura, 6 certificazioni per l’impegno sostenibile e per il sistema di gestione e qualità e l’esordio del Ristorante gourmet sulla Guida L’Espresso: la Struttura immersa fra le montagne dichiarate dall’UNESCO “Patrimonio Mondiale dell’Umanità” ha collezionato traguardi nonostante le incertezze degli ultimi anni.

 

Per la bella stagione, l’ampia offerta benessere Lefay SPA Dolomiti, che oltre a 3 piscine e 9 saune offre 65 trattamenti Signature e propone rituali ispirati agli aromi e ai profumi del bosco, si combina alle esperienze da effettuare al di fuori del Resort: in estate le Dolomiti si colorano di verde, offrendo numerosi itinerari in quota o a valle, da percorrere a piedi o in mountain bike. Inoltre, a pochi minuti dal Resort si trovano due campi da golf di nove buche, mentre coloro alla ricerca di sapori locali potranno scegliere pranzi in rifugio o degustazioni con prodotti tipici. La selezione di attività firmata Lefay Signature è disponibile ogni giorno, così come la possibilità si personalizzare le giornate all’aperto con il servizio Concierge.

 

Dolomiti Adventure” è il pacchetto di tre notti che propone due escursioni: trekking e e-bike sono le soluzioni per vivere e respirare l’aria rigenerante di questo luogo incantato. Tutta la collezione di offerte è online sul sito: https://bit.ly/3LqwMFd

 

Infine, il Ristorante “Grual”, appena premiato con i Due Cappelli dalla Guida “I Ristoranti e i vini d’Italia 2022” firmata L’Espresso, presenta il nuovo menù: la carta altimetrica che dal fondovalle sale verso l’alpeggio e fino all’alta montagna esplora le eccellenze del Trentino – Alto Adige: partendo dai delicati sapori del coregone e del radicchio, si arriva fino al cervo o al capriolo, alla trota o al salmerino, procedendo sulle altezze intermedie che caratterizzano le rape rosse o il nostrano stravecchio.

 

I due percorsi degustazione “Il Sentiero” e “La Cima”, così come il menù à la carte, sono disponibili sul sito dedicato, tramite cui è possibile prenotare il proprio tavolo: https://grual.lefayresorts.com/it/

 

Per prenotare un soggiorno o richiedere informazioni, chiamare lo 0465 768800 o scrivere a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

More Articles ...