18
Tue, May

Castel Condino continua a sorprendere! I propositi dell'ultima Assemblea consiliare

Valle del Chiese
Typography

 

Dopo San Lorenzo & Dorsino e Bondone anche il comune di Castel Condino in Giudicarie è intenzionato ad iscrivere il proprio paese tra I Borghi più Belli d'Italia. Gli intendimenti sono e restano quelli di riunire e collegare la realtà castellana nell'ambito di quel prestigioso circuito di eccellenza riservato alle piccole comunità.

 

Ebbene, a tale proposito l'Assemblea consiliare ha ora convenuto di aderire al relativo progetto e nel contempo presentare per le motivazioni di ammissione secondo le modalità e prescrizioni previste nello Statuto e Carta di qualità dei servizi del Club. Nel corso della medesima seduta i convenuti, sempre all'unanimità, hanno demandato al sindaco Stefano Bagozzi l'incarico di gestire e portare avanti la procedura utile a conseguire tale riconoscimento.Il Consiglio comunale ha nello stesso tempo convenuto di imputare la spesa di € 750,00 a titolo di rimborso spese per il sopralluogo e perizia scientifica, necessaria per valutare l'eventuale ammissione al Club dei “Borghi più belli d'Italia”.

 

In foto il Sindaco di Castel Condino

 

Ma al di là di quest'altra iniziativa, Castello - che da diversi anni oramai gestisce i propri servizi in coabitazione con il comune di Storo - già vanta primati e biglietti da visita non secondari tra cui, fino a poco tempo fa, la presenza in vari Istituti di credito di almeno venti bancari su una popolazione che in tutto conta 220 abitanti.

Inoltre - ricordano ancora in paese – Castello vantava non solo un Assessore provinciale ma pure un Senatore (Remo Andreoli e Ivo Tarolli); Catello, con le sue caratteristiche tradizioni come la banda cittadina presente in occasione di ogni obito, viene ricordata anche in riferimento a quella sollevazione popolare negli anni 80' allorquando il paese, poi finito in tribunale ma senza conseguenze e condanne, respinse in maniera compatta (sbarrando la strada di accesso all'abitato) l'arrivo forzato di un mafioso destinato a soggiornarvi”.