17
Sun, Jan

Incendio all'alba in località Quadri – Pian d'Oneda a Ponte Caffaro: a cercare di salvare il rustico in fiamme i vigili del fuoco di Storo, Bondone, Pieve di Bono e Bagolino

Valle del Chiese
Typography

 

 

PONTE CAFFARO. Un incendio, probabilmente causato dai resti di un caminetto usato qualche ora prima, è divampato all'alba in località Quadri – Pian d'Oneda a Ponte Caffaro. Le braci devono essersi riprese nel corso della notte ed il fuoco si è poi propagato nel vano cucina, mandando in fumo l'intero rustico, a quell'ora disabitato.

 

Erano le 5.00 di mattina quando la selettiva chiamava in soccorso i vigili del fuoco di Storo, Bondone, Bagolino e Pieve di Bono. Quest'ultimi hanno utilizzato bombole onde affrontare il fumo che si andava sprigionando in maniera smisurata. La costruzione, in parte in legno, era solitamente usata in estate ma di frequente anche nei fine settimana, anche in occasione di questa domenica. Al piano terra c'erano pure alcune moto che il fuoco ha in parte lesionato ma poi fortunatamente estratte a fatica dagli stessi vigili del fuoco.

 

Sul posto sono poi giunti anche i carabinieri di Bagolino che hanno disposto gli accertamenti del caso. “ Quando siamo arrivati – concordano i comandanti di Storo, Bondone e Pieve di Bono rispettivamente Alessandro Giacco, Nicola Zaninelli e Cesare Balduzzi – le fiamme erano già avanzate parecchio tanto da aver praticamente distrutto la costruzione”.

 

La presenza dei pompieri trentini in simili eventi, al di là del confine, non fa più notizia: in Valsabbia uomini e mezzi scarseggiano. E' risaputo che ogni qualvolta che lungo il versante del lago d'Idro (Bagolino compreso) case o boschi prendono fuoco, i colleghi del fondovalle del Chiese sono sempre i primi ad intervenire come anche in occasioni di incidenti stradali dove ambulanze e ambulanzieri arrivano in massa e in tempo reale.