24
Fri, Jun

 

BORGO CHIESE. Da Condino Luigi Rosa, figlio di Antonio e Maria con casa lungo la Contrada Pesce, se n'era andato quando di anni ne aveva meno di 20. Ieri l'altro si è spento a Torroella de Montgri in Spagna a 73 anni.

 

 

Da quelle parti aveva la moglie Rosmary e il figlio Alex, mentre a Condino ci sono i fratelli Alfredo e Annamaria. Alla vita di paese Luigi aveva preferito spostarsi oltre confine.

Inizialmente era approdato in Svizzera dove già viveva il cugino Roberto. Poi, dopo aver conosciuto e sposato Rosmary, aveva convenuto di seguirla.

 

Alcuni amici e coetani di Piazza di Pagne lo ricordano con affetto anche se a Condino lo si vedeva di rado. Domenica 8 agosto alle ore 20.00, dentro la chiesa arcipretale di Santa Maria, il reverendo arciprete don Vincenzo Lupoli ufficerà messa in suffragio.

 

PIEVE DI BONO & PREZZO. Quest'anno a Prezzo in occasione della sagra patronale di San Giacomo in programma domenica prossima 25 luglio non solo i tradizionali “campanò" serali della settimana, ma anche un commiato ai suoi due preti che a settembre andranno a ricoprire altri incarichi, rispettivamente a Trento e Tione.

 

 

Mentre don Vincenzo andrà a ricoprire la terza carica della Diocesi dopo il vescovo Lauro Tisi e il vicario generale monsignor Marco Saiani, don Michele traslocherà da Cimego a Tione dove farà coppia con il curato Celestino Riz. I due preti avranno una giurisdizione comprendente diverse unità pastorali.

 

“Dal paese di Prezzo con i suoi 200 abitanti a don Vincenzo Lupoli e a don Michele Canestrini va il nostro più sentito ringraziamento” dice lo storico sagrestano Ivano Pizzini. Il custode di chiesa e paramenti fa anche sapere “che dopo la solenne santa messa delle 10,30 tocchera a Nicoletta dare lettura di uno scritto con la riconoscenza e il grazie dell'intera comunità”.

 

A succedere ai due preti dal 3 ottobre sarà don Luigi Mezzi originario di Storo e attualmente parroco sull'altopiano di Brentonico che potrà sempre avvalersi in zona del missionario don Bepino Caldera che manterrà pur sempre domicilio presso la canonica di Santa Giustina.

 

 

CONDINO. Dopo un anno di pausa causa pandemia tornano anche quest’anno presso la Pieve Santa Maria Assunta a Condino i tradizionali “Martedì della Pieve”, momenti di intrattenimento culturale tradizionalmente organizzati dal “Gruppo Amici della Pieve”.

 

 

Il tema scelto per questa edizione piuttosto a proposito in quest’estate di caldo e fenomeni metereologici estremi in gran parte dovuti ai cambiamenti climatici innescati dall’alto grado di inquinamento esistente, è quello appunto della necessità di prendersi maggiore cura dell’ambiente in cui viviamo come spesso richiamato da Papa Francesco.

Il quale nella sua bella enciclica a titolo “Laudato Sii” parla dell’ambiente come della nostra “Casa Comune”, una “sorella”, con la quale condividiamo l’esistenza, ma che “protesta per il male che le provochiamo, a causa dell’uso irresponsabile e dell’abuso dei beni che Dio ha posto in lei. Siamo cresciuti pensando che eravamo suoi proprietari e dominatori, autorizzati a saccheggiarla. Dimentichiamo che noi stessi siamo terra (cfr Gen 2,7). Il nostro stesso corpo è costituito dagli elementi del pianeta, la sua aria è quella che ci dà il respiro e la sua acqua ci vivifica e ristora”.

Esiste infatti, ribadisce Papa Francesco, una sottile interconnessione tra crisi ambientale della Terra e crisi sociale dell'umanità per cui occorre passare al concetto di ecologia integrale (solo sanando infatti l’ultima si riuscirà a risanare anche l’altra).

Questo ed altri concetti basilari della visione di Papa Francesco su ambiente e società verranno di fatto spiegati al pubblico nella serie dei “Martedì della Pieve” che iniziano con il 20 luglio a partire dalle ore 20,30 presso il bell’edificio religioso condinese.

La prima serata vedrà come relatore il noto teologo e filosofo trentino don Marcello Farina che si impegnerà ad illustrare ai presenti quanto scritto dal Papa nell’Introduzione generale all’enciclica “Laudato Sii”.

I martedì che verranno vedranno quindi come relatori rispettivamente il professore del seminario diocesano e Delegato Vescovile dell’Area Testimonianza e Impegno Sociale don Cristiano Bettega (27 luglio), l’insegnante di religione nei licei, impegnato nella formazione dei giovani alla cittadinanza attiva Alberto Conci (3 agosto) e un membro dell’omonima “Comunità Laudato Sii” (14 agosto).

Si tratta di serate che prevedono tutte l’inizio per le ore 20,30 ed entrata libera.

La popolazione è caldamente invitata a partecipare. 

 

BORGO CHIESE. Motivi, prospettive e le stesse risorse umane coinvolte sono sicuramente ambiziose, valide e con alle spalle esperienze e garanzie non di poco conto. Nel contempo l'idea di costituire una società di investimenti dedicata al settore delle fonti rinnovabili è e resta legata a Mirko Bottini, tra l'altro patron di BM GROUP di Borgo Chiese che, con oltre 200 dipendenti, non solo si è fatto un nome ma risulta attivo nei settori dell’automazione industriale, della robotica e dell’energy.

Nell’estate 2020 ha aggregato in questa “sala macchine” Davide Donati. Quest'ultimo, dopo 31 anni, aveva appena lasciato la direzione generale della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella per intraprendere con la sua comprovata esperienza un nuovo percorso. “Una sfida - ha detto da subito lo stesso ex bancario di Darzo - che vogliamo cogliere con la consapevolezza che in un comparto che vede coinvolti molti players importanti, noi potremo ritagliarci una fetta di mercato con un target medio-piccolo e diversificato”. Alla vernissage societaria in BM di lunedì 12 luglio c'era solo parte dello stato maggiore considerato che una sola manciata di minuti prima dentro lo stesso Palazzo di vetro di Via Roma 151 si era ricompattato lo stesso CdA.


 

Riavvolgendo le immagini dentro Alpicapital si rileva che dopo sei mesi di rifinitura all'interno della “sala macchine “ i due soci fondatori hanno predisposto un piano industriale che prevedeva l’allargamento della compagine sociale ad altri imprenditori interessati.

Il riscontro è stato positivo e superiore alle aspettative, con l’adesione di partner importanti quali ad Alpicapital (nel frattempo trasformatasi da S.r.l. ad S.p.A.) di quindici nuove imprese e professionisti sia trentini che bresciani.

Fra le adesioni ci sono realtà molto strutturate come il gruppo Feralpi che, attraverso la controllata Feralpi Farm S.r.l., ha sottoscritto l’11% del capitale sociale, così come la società Aelle Immobiliare S.r.l. della famiglia di Andrea Niboli, presidente del Gruppo Silmar.

Fra i soci vi sono i Valsabbini Dall’Era Valerio S.r.l. di Sabbio Chiese, la HSO S.r.l. di Roè Volciano e la Solideng S.r.l. di Darfo Boario Terme, mentre, per la parte trentina, la Nuova Saimpa S.r.l. di Borgo Chiese, la CMV di Sella Giudicarie, la Eneretica S.p.A. di Storo, la OMB S.r.l. di Stenico e la Solesco S.r.l. di Taio in valle di Non.

Coinvolti nell’iniziativa anche alcuni professionisti fra cui, il manager Paolo Beretta di Borgo Chiese, e gli ingegneri Valter Paoli di Tione e Giorgio Rossi di Storo ed i collaboratori di BM GROUP, Alessandro Ferrari e Luca Festi.



Alpicapital, che nel contempo ha visto l’aumento di capitale sociale da 500.000 euro a 4.000.000 di euro con l’apporto di mezzi e soci propri sino a 12 milioni di euro è di certo destinata a fare la differenza.

Il nostro obiettivo – ricalca lo stesso Donati – è e resta quello di investire nel mercato molto effervescente di tutte le energie rinnovabili, dal fotovoltaico all’idroelettrico ed eolico; siamo in una fase molto importante per questo settore, dove vi è la necessità di concentrare la crescita dell’approvvigionamento di energia pulita per il nostro Paese, abbandonando le fonti più inquinanti e rendendoci meno dipendenti dall’estero”.

La conclusione a cui si affida Donati è esplicita e molto chiara. “Per fare questo la società, si pone l’obiettivo, per i prossimi tre anni, di investire qualcosa come 50 milioni di euro. Una sfida complessa e stimolante che vogliamo cogliere con la consapevolezza che vede a confronto molti players importanti e dove noi potremo ritagliarci una fetta di mercato con un target medio-piccolo e diversificato.”



Questi i componenti del Consiglio di Amministrazione:

avvocato Davide Donati – Presidente e Amministratore Delegato;

ingegnere Giovanni Pasini (Consigliere Delegato di Feralpi Group e Presidente di Feralpi Farm) – Vice Presidente;

Mirko Bottini (Chief Technology Officer e Founder di BM GROUP) – Consigliere Delegato;

dott. Simone Niboli (Sales Manager Gruppo Valsir) – Consigliere;

dott. Alberto Dall’Era (Amministratore Dall’Era Valerio Srl) – Consigliere;

Marco Saletti (Presidente e Amministratore Delegato Nuova Saimpa) – Consigliere;

ingegnere Luca Mion (Studio Solideng) – Consigliere

dott. Francesco Bettoni – Segretario del Consiglio di Amministrazione

 

More Articles ...