04
Mon, Dec

 

 

BORGO CHIESE -   Più  volte  il dottor Giorgio Butterini  ha  detto e manifestato di  non riuscire a far fronte  ai tanti impegni  sia  per il ruolo di sindaco di Borgo Chiese  sia  da presidente della Comunità di valle.  A questo va aggiunta la sua attività professionale in quel di Strada (direttore Consorzio Iniziative n.d.r.) per comprendere  che qualcosa doveva prima o poi scaricare. “Negli ultimi due anni  - è quanto ha rilasciato giorni fa  lo stesso Butterini –  si sono accavallati moltissimi impegni che mi costringono a fare un passo indietro nel mio ruolo di Sindaco in quanto i ritmi sono insostenibili e ho riscontrato pure dei cedimenti fisici .“

 

 

Il  già più volte sindaco e presidente dell’ente Bim del Chiese, ha scelto quindi di sbullonare  la carica di primo cittadino.

Ora, sino alla primavera  2024, dentro la stanza dei bottoni di Piazza San Rocco gli subentra la sua stessa vice Alessandra Zulberti  di Cimego. Giorni fa in un clima ovattato lei e gli altri assessori  hanno preso atto di quanto  Giorgio su la vicenda  andava snocciolando.

 

BORGO CHIESE -  Nell’ambito del comune di Borgo Chiese le priorità per l’anno 2023 sono almeno quattro e la spesa complessiva per realizzarle si aggira attorno ai 2 milioni. A rilevarlo è lo stesso sindaco Giorgio Butterini anche presidente della Comunità delle Giudicarie.

 

Tra queste la messa a nuovo di alcune piazze tra cui spicca la centralissima Piazza San Rocco a due passi dalla sede comunale di Condino, l’adeguamento dell’asilo di Cimego, un ulteriore parcheggio a Brione nonché la creazione di una adeguata piazzola elicotteri che sarà realizzata in prossimità della  sede dei vigili del fuoco. Quest’ultima area di soccorso, illuminata a giorno e individuabile a lunga distanza,  risulterà posizionata in una parte di paese (Condino sud) che non creerà né intralcio né disturbo e la cui accessibilità, raggiungibile attraverso più strade, è considerata al top.

 

 

 

Domani sera sabato 24 dicembre   ad ore 20,45 presso il centro polifunzionale il  corpo musicale “G. Verdi”  di Condino   presenterà il 44° concerto di Natale la cui iniziativa l’aveva intrapresa il compianto presidente dell’epoca Antonio Di Camillo.

Si tratta di un appuntamento tradizionale inserito nell’anno dei festeggiamenti del 150° di fondazione del sodalizio musicale e vede impegnati il direttore artistico Stefano Torboli con i bandisti nell’esecuzione anche di due grandi filoni dell’opera italiana dell’Ottocento e più precisamente l’opera seria e l’opera buffa. Verranno proposte al pubblico opere quali “Giovanna d’Arco” di Giuseppe Verdi del 1844 e “Don Pasquale” di Gaetano Donizetti del 1842.

 

 

Protagonista della serata sarà anche Gioachino Rossini che con la sua “Gazza Ladra” e “L’Italiana in Algeri”, composte rispettivamente nel 1817 e nel 1813, farà riecheggiare il proprio genio musicale nella serata musicale condinese.

Non mancherà un tributo al grande e contemporaneo maestro belga Jan Van der Roost, che nel mese di ottobre è stato l’ospite protagonista del bel progetto “masterclass” organizzato dal Corpo Musicale “G. Verdi” di Condino che ha visto la partecipazione anche di altre dieci bande della zona.

“Alla serata della vigilia musicale condinese- avverte Erika Floriani che oltre ad essere bandista  fa da spesso  da tramite tra la fondazione e gli organi di informazione -sarà presente un ospite ed amico d’eccezione: il direttore d’orchestra Alessandro Bonato che nel 2022 ha fatto il suo debutto al Musikverein di Vienna sul podio del Wiener Concert-Verein e ha diretto le nuove produzioni del Barbiere di Siviglia allo Sferisterio di Macerata e di Norma per Opera Lombardia con entusiastici consensi di pubblico e critica”. Il presidente dell’istituzione   dottor Michele  Pernisi a sua volta  aggiunge: “Per non dimenticare lo spirito natalizio che ci ritrova uniti attorno all’albero di Natale, il sodalizio proporrà in religioso raccoglimento anche la tradizionale “Adeste Fideles” che porterà l’immaginario collettivo all’adorazione del Santo Bambino con la speranza con possa essere per tutti un Natale di salute, speranza e rinascita”.

 

Giovedì 27 ottobre 2022, con la visita all’azienda di Franceschetti Giuseppina & snc di Borgo Chiese, ha avuto inizio il progetto “Yes Specialist”.

Il progetto europeo “Yes Specialist” al quale il Piano Giovani di Zona della Val del Chiese ha deciso di aderire è finanziato dai Fondi Europei ed è l’ufficio risorse Unione Europea e sviluppo territoriale della P.A.T. (unità di missione strategica coordinamento enti locali, politiche territoriali e della montagna) ad esserne a capo per quanto riguarda la nostra regione.

Il Piano Giovani di Zona ha deciso di aderire per coinvolgere i giovani imprenditori del territorio, con il fine di promuovere l’imprenditorialità locale. La metodologia usata per realizzare questo obiettivo si basa sull’apprendimento permanente di strategie imprenditoriali innovative. Il progetto prevede la creazione di gruppi di lavori i quali verranno seguiti da due tutor che supporteranno i ragazzi durante l'intero percorso.

 

I gruppi formati dovranno trovare una soluzione (o più) alla sfida lanciata dall’imprenditore della Valle e in una fase finale presenteranno i risultati allo stesso e alla popolazione.

I partecipanti di questo progetto sono ragazzi under 18 e frequentano l’Istituto di Istruzione “Lorenzo Guetti” di Tione. L’azienda che aderisce al Progetto Yes Specialist è quella di Franceschetti Giuseppina & snc di Borgo Chiese, che per una piccola parte della sua produzione, crea biciclette su ordinazione e sui gusti del cliente con il marchio: nero bike.

Le parole dell’imprenditore durante l’incontro sono state molto stimolanti per i ragazzi. Daniele, nell’occasione, ha spiegato in breve quella che è la mission dell’azienda:

“Il nostro lavoro e la nostra professionalità non si misurano solo in termini di produttività, ma anche sulla capacità di fornire la massima qualità in servizi e prodotti. Siamo giornalmente impegnati nel garantire ai nostri clienti: qualità delle lavorazioni, puntualità nelle consegne e la continua collaborazione per innovazioni di processo e prodotto al fine di aumentare la qualità e ridurre i costi.

Il nostro slogan aziendale è “qualità su misura del cliente”, sperando nella nascita di un serio e duraturo rapporto di collaborazione per una crescita reciproca.”

La visita all’azienda si è conclusa con una sfida lanciata dall’imprenditore alla quale i ragazzi dovranno trovare una soluzione. La sfida è iniziata, ora sta ai ragazzi portare a termine il loro progetti entro la metà di dicembre! Alla fine di questi incontri verrà organizzata una serata per permettere ai ragazzi che hanno partecipato, di restituire le loro soluzioni al problema presentato dall’imprenditore.

La serata sarà aperta a tutta la popolazione!

More Articles ...