12
Wed, Aug

A Borgo Chiese e a Pieve di Bono Prezzo al via gli esami sierologici a tappeto

Valle del Chiese
Typography

A Borgo Chiese e a Pieve di Bono Prezzo al via gli esami sierologici a tappeto. Questa zona del Trentino al confine con la Lombardia è una delle più colpite e sono previsti come controlli (volontari) per tutta la popolazione. 73 i contagi verificati a Borgo Chiese, su una popolazione di 1996 abitanti per una percentuale di contagiati pari al 3,7%,  9 i decessi per coronavirus. A Pieve di Bono Prezzo 50 i contagi totali pari al 3,5% della popolazione (1437 abitanti) e 3 i decessi registrati.

Quella comunicata dal presidente Fugatti ai 5 sindaci delle zone più colpite (Borgo Chiese, Vermiglio, Pieve di Bono, Canazei e Campitello di Fassa: dove si è registrato una percentuale di positivi che supera il 2 per cento sull'intera popolazione) sarà un'indagine sierologica a tappeto. Seppur su base volontaria, ha precisato il presidente della provincia. «Non sono zone rosse, - ha detto il Presidente - non ce ne sono in Trentino, ma zone per le quali vista la percentuale di contagio della popolazione abbiamo previsto dei controlli aggiuntivi per monitorare meglio la situazione». 

Per il sindaco di Borgo Chiese, Claudio Pucci, non  è un'invasione nella vita dei cittadini, ma uno strumento utile per arginare definitivamente il virus.

Il comune garantirà la massima collaborazione per questi test sulla popolazione che nel nostro Paese rappresenta una novità.

Allo stesso tempo a Borgo Chiese e a Pieve di Bono si stringono le maglie dei controlli. Tutti gli spostamenti vengono registrati e anche i transiti dalla Lombardia verso le seconde case sono fermi.

Non invitare parenti per Pasqua, evitare pranzi allargati e stare a casa queste le raccomandazioni alla popolazione. Qui il tributo pagato alla pandemia è doloroso, 23 sepolture in meno di un mese. A Pasqua in Valle del Chiese la speranza convive con il dolore.