23
Wed, Oct

Pinzolo: ruralità in festa con Giovenche di razza Rendena

Pinzolo
Typography

Il dodicesimo compleanno di “Giovenche di Razza Rendena. Sfilata e dintorni” ha bissato il successo delle passate edizione, concludendosi ieri con la “Festa dell’allevatore della Val Rendena” e la grande sfilata pomeridiana per le vie di Pinzolo. Colorato, musicale, spettacolare e partecipato è stato il corteo che ha visto protagonisti indiscussi gli allevatori e le giovenche di razza Rendena, con l’arrivo di settembre di ritorno dai pascoli d’alta quota. E, poi, tanti figuranti in costume, eleganti carrozze, cavalli, asini, i cani Bovari provenienti dalla Svizzera, carri bardati con i fiori delle grandi occasioni e i Vigili del Fuoco di Pinzolo a bordo di un originale carro storico, un tempo l’unico mezzo che avevano a disposizione per raggiungere e spegnere gli incendi. 

La “Festa dell’allevatore” e l’elezione della Reginetta hanno concluso una settimana di occasioni per conoscere il mondo contadino della Val Rendena attraverso il variegato programma messo a punto dal Comitato presieduto da Andrea Collini con al fianco un affiatato team di giovani volontari del posto (Elisa Carli, vicepresidente, Letizia Caola, Manuel Lucchini, Federica Maturi, Floriano Maturi, Ivan Salvadori e Mauro Povinelli). Declinato al meglio il concetto di sfilata, sempre molto attesa e seguita sia dagli ospiti che dai residenti, il “contorno” ha visto lo svolgersi di un concorso fotografico, attività didattiche rivolte ai bambini, visite guidate alla scoperta delle fattorie e dei masi rurali della Val Rendena, l’immancabile “Rendena Food Festival”, che anche quest’anno ha registrato il tutto esaurito, e la festa con taglio giovane del venerdì sera.

 

Trenta le stalle partecipanti all’edizione di quest’anno: sulla carta geografica dislocate tra Zuclo e S. Antonio di Mavignola.

Tra le 150 “Rendene” selezionate, sabato sera, dopo le attente valutazioni tecniche dell’esperto, è stata incoronata “Reginetta 2019” la giovenca Alfio Denise dell’Azienda agricola Maurizio e Roberto Polla di Caderzone Terme, fattoria che si era aggiudicata il titolo anche nel 2017, 2009 e 2006.

“Giovenche di razza Rendena. Sfilata e dintorni” rappresentare un momento importante di incontro-confronto tra gli allevatori della Val Rendena. All’evento, per oltre sessant’anni coincidente con la mostra-mercato di San Michele (29 settembre), dodici anni fa è stato fatto indossare un abito “più turistico”, ma senza perdere in autenticità, anzi valorizzando ulteriormente il lavoro, quotidiano e faticoso, degli allevatori. In passerella le giovenche di razza Rendena, la razza autoctona che per il legame originario con il territorio nel mese di febbraio 2019 è diventata  presidio Slow Food. (AV)