25
Fri, Sep

Pineta di Pinzolo, cancellato un unicum per far posto ad un giardino urbano

Pinzolo
Typography

Stamattina ho fatto due passi da casa mia fino alla passerella sulla Sarca. La vista della nuova sistemazione data a quella che in passato era “la pineta” mi ha prodotto una stretta al cuore, un magone. Come se gran parte della mia vita, e quella di tante persone del mio tempo, se ne fosse andata, cancellata da un colpo di spugna. Sono vissuto e ho vissuto quell’angolo di paradiso da quando arrivai a Pinzolo. Vi ho giocato a calcio nel piccolo campetto e, più tardi, in quello più grande; nel tempo libero vi ho portato i miei figli, dove sono “venuti grandi”, a rincorrersi tra gli alberi, ad ascoltare la “musica” della Sarca, a respirare l’aria profumata dai pini, dai larici e dagli abeti, a raccogliere spugnole, funghi della saetta e del sangue, mazze di tamburo, coprini, fragole e more nelle diverse stagioni, e, con le prime piogge autunnali, le noci cadute dalle numerose piante situate al limitare di una vera e propria selva. Vi ho accompagnato i miei nipoti a divertirsi nel parco giochi attrezzato con cura e rispetto dell’ambiente nelle piccole radure tra gli alberi.

 

 

Ora si è voluto trasformare in un giardino di città, quella che era stata “ab immemorabili” un’area di resinose piene di aromi e di frescura, una “paghèra,” come troviamo scritto nelle vecchie pergamene custodite nell’archivio  del comune di Pinzolo, una fascia che correva in fregio alla Sarca, sulla sinistra orografica a partire da Carisolo, un’area caratteristica, originale, peculiare della località. Il toponimo, tuttora vivo, viene dal latino “picaria” e indicava una zona di “pécci”, di aghifoglie con resina, che si erano insediati di qua del fiume perché sul lato opposto, tutto sassi, canaloni e frane come documentano antiche cartoline, per loro era stato impossibile attecchire e resistere alle intemperie. Percorrendo le sponde della Sarca si possono cogliere ancora oggi i diversi passaggi, i processi di trasformazione del suolo: dalla golena coperta di ginepri a creare il primo humus, all’arrivo del pino, e poi a quello del larice e dell’abete, che, prepotente, pian piano ha fatto scomparire le altre specie. Così si era formata un’area speciale, tipica, che caratterizzava anche l’offerta turistica di un ambiente di montagna. La si è voluta distruggere per far posto, per “costruire” in maniera artefatta, un giardino di città, con piante di latifoglie, zone a prato, a parco giochi e quant’altro pensando di andare incontro alle esigenze e ai gusti della clientela. Si è voluto portare la città in un paese di montagna, snaturandolo, senza pensare che chi va in montagna pensa di trovarvi qualcosa di diverso dal luogo dove vive il resto dell’anno.  I lavori, costati anche qualche euro, sono frutto di scelte amministrative decise da persone scelte dai cittadini, quindi più che legittimi. Speriamo diano i risultati sperati. Di sicuro cancellano un pezzo di storia di Pinzolo, ed è un peccato. Secondo me se fossero stati fatti dalla passerella della Sarca in su fino al ponte di San Rocco avrebbero avuto più senso, avrebbero potuto valorizzare e rendere fruibile alla comunità una zona oggi semi abbandonata a se stessa, salvando un “unicum” come quello appena scomparso: il tutto senza recitare il De profundis alla “pineta”.