25
Fri, Sep

Messe "clandestine", passeggiate vietate, arrampicate di nascosto... O si riapre in fretta o il rischio è che i più diventino "fuorilegge"

Pinzolo
Typography

È di ieri la notizia che una messa si è celebrata presso l'antica Chiesa di San Vigilio.  La Polizia locale di Pinzolo Madonna di Campiglio sta facendo accertamenti sui fatti che si sono svolti alla Chiesa cimiteriale di Pinzolo. Il loro intervento è stato richiesto dai Carabinieri allertati tramite il 112 da alcuni cittadini.  Vi avrebbero partecipato un gruppo di persone (circa una dozzina) ma visti i tempi, "clandestinamente" e fuori dalle regole imposte da decreti e ordinanze.  Le restrizioni imposte non ci permettono di condurre una vita normale. E questo da 40 giorni. 

Alcuni giorni fa sanzionato un signore ripreso con le telecamere mentre correva in Val Rendena... e di episodi simili se ne potrebbero riprendere a bizzeffe.  

Premesso che hanno tutti infranto le regole e che quindi sono o saranno sanzionati giustamente, rimane il fatto che la gente anche nelle nostre vallate inizia a risentire il peso delle restrizioni alle proprie libertà. 

E se è forte per qualcuno il desiderio di ritrovarsi per pregare in un luogo di culto anche se vietato, per altri è quasi impossibile frenare l'istinto di fare movimento e di fare sport. Per non parlare dei bambini, costretti a cambiare totalmente le proprie abitudini, senza forse capirne fino in fondo il perché.  

La quarantena è stata fatta rigorosamente da quasi tutti. Era il 9 marzo il giorno del Decreto "Io resto a Casa". Ora la situazione in generale è migliorata anche se vi sono ancora delle situazioni di criticità. 

Tenendo conto che la tutela della salute di tutti debba essere sempre al primo posto, forse è arrivato il tempo di valutare qualche alleggerimento delle restrizioni soprattutto per quelle attività e per quelle situazioni per le quali non ci sono aumenti per il rischio di contagio. 

Anche perché o alleggeriscono le restrizioni personali che questa epidemia ci ha imposto o il rischio è che si diventi tutti "fuorilegge" per aver fatto cose "normali".