04
Mon, Dec

BORGO CHIESE. In prossimità del giorno di Santa Caterina, 25 novembre, o del sabato precedente, segantini e tagliaboschi a Condino sono soliti riunirsi per festeggiare la loro patrona.

Quest'anno, però, causa l’epidemia e le restrizioni legate a coronavirus, la rimpatriata – che aveva luogo nei vari alberghi a rotazione - è stata annullata. Ad anticiparlo sia i fratelli Serafino e Mirco Lombardi, con la loro azienda al di là della zona di Ciùdrin, che Luca e Silvio Butterini, nei pressi del Giùlis. “Questa decisione - avvertono i Lombardi - per ora è ufficiosa, ma l’intendimento che prevale è quello di rimandare il tutto al 2021”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Roberto Pizzini, comproprietario della Compi Legno nella zona di Condino.

Alla festa prendono parte anche operatori ledrensi tra cui il popolare Ribaga (Cimino) che produce bancali. “Sono solito partecipare all'evento, anche perché con la segheria Pizzini & Sartori ci lavoro spesso” avverte il contitolare della 2 Erre Legnami.

Negli anni passati alla 'Santa Caterina' partecipavano anche boscaioli che nell’arco dell’estate, per conto delle varie segherie, erano alle prese nel tagliare alberi. Ad espletare quel lavoro gente conosciuta: Tullio e Bruno Pizzini, Mario Sartori o Tullio Quarta.

 

Una tradizione veramente importante quindi a Condino, dove i partecipanti coinvolti nel comparto legno (travi, tetti, tavolame e auto trasportatori) sono oltre un centinaio. Una tradizione quasi secolare: la ricorrenza settembrina si svolgeva ormai da quasi 75 anni.

Per il passato l’allora geometra Narciso Galante (che più tardi sarebbe deceduto in Alto Adige travolto proprio dai tronchi che stava misurando) aveva organizzato presso il centro scolastico di Condino – con i colleghi di Storo – un convegno inerente al settore; anche la Provincia rappresentata dall’assessore e vicepresidente Walter Micheli aveva aderito.

Negli anni 50’, invece, a onorare il comparto c'erano stati Vittorino Dapreda, Silvio Butterini, Giuseppe e Franco Gualdi (Giò) e la famiglia dei Galante (Elia, Sandro, Giacomo ed Enrico). Nel giorno della patrona davano vita alla ricorrenza organizzando pranzo, discussioni ma anche una partecipata santa messa.

Erano i tempi in cui a gestire l’arcipretale Santa Maria c'era il decano don Modesto Lunelli e cappellani don Alessandro Tasin prima e don Carmelo Francesconi poi. Nella circostanza i preti indossavano paramenti solenni mentre dalla cantoria uno dei fratelli Dapreda (Celestino,Ottavio o Guido) erano soliti accompagnare la messa all’organo. “ Era una cerimonia partecipata dove si ricordavano i colleghi defunti; la festa, poi, avvicinava datori e dipendenti. Ci si confrontava apertamente, almeno per un giorno, dicendo cose che nel corso del resto dell’anno erano impossibili affrontare e dibattere”.

 

 

BRIONE. Da una settimana a questa parte, attraverso un nuovo punto vendita - alimentare riconducibile ai fratelli Marina e Mario Pellizzari - la gente di Brione può fare la spesa e anche avere a due passi da casa quotidiani, riviste ma anche medicinali.

 

Diversamente da Cimego, altra vicina frazione di Borgo Chiese, Brione era di fatto svantaggiato in questo senso: il paese non aveva alternative specialmente dopo la chiusura in primavera della coop.

Ora, dopo essere passati in ambulatorio a Condino, i brionesi potranno risalire da subito in paese considerato che i farmaci prescritti dal medico curante saranno a loro recapitati dal servizio navetta dei Pellizzari .

Noi - dice Alberto, marito di Marina - preleviamo il tutto dalla spezziale e i destinatari dei riccettari potranno rilevare la merce qualche ora dopo all'interno del nostro spaccio”.

 

Mentre Cimego usufruisce di più servizi (bar e alimentari), a Brione la situazione era ben diversa dal fatto che l'abitato, dopo la sopressione della coop, risultava di fatto svuotato.

Fino agli anni 70' si contavano ben due attività, tra bar e negozi, quelle di Vittorino Pelanda e del popolare Bruno Gagego. Erano ambedue personaggi che in maniera diversa si distinguevano: Vittorino, oltre a gestire osteria e negozio lasciato da papà Evaristo, vantava pure un diploma come maestro di musica, suonava dentro la cantoria di San Bartolomeo e dirigeva la corale in occasione delle feste di precetto, funzioni e onoranze funebri.

 

Era quasi un anno che in paese non esisteva un banco alimentare e di frequente pure il pane in uso, pur riscaldato o tolto dal frigo, spesso poteva avere più giorni“ avverte molto compiaciuta un'anziana signora. Aggiunge un ex amministatore: “La presenza dei Pellizzari, che a Condino gestiscono alimentari e forno dal 1955, prima con il popolare capo fila Beppino e dopo con parte dei figli, è da considerare providenziale. Il suo coinvolgimento ha dato modo ai brionesi di non non sentirsi né emarginati né isolati anche perchè offre un servizio importante in estate alla gente che arriva da fuori.”

Per Marina approvigionare di prima mattina i paesi del circondario non è altro che il ripetersi di quanto già faceva da bambina quando con papà Beppino, prima su una moto Ape furgonata e poi su Giardinetta e Fiat 600 multipla, portava pane non solo a Brione ma anche a Cimego e Castello.

L'innovazione di adesso - spiega Marina - prevede che i gestori dello spaccio passino quotidianamente sia dalla farmacia Zontini e poi dall'edicola Michele Gualdi per ritirare quanto i 120 censiti di Brione frazione hanno prenotato il giorno prima”.

 

CASTEL CONDINO. A meno di una settimana dal voto a Castel Condino si è varata la nuova giunta e assegnate a consiglieri ulteriori deleghe temporanee.

 

Al sindaco Stefano Bagozzi non solo patrimonio edilizio ma anche lavori pubblici;

Gianni Bagozzi, tornato dopo una legislatuira sabatica a fare il vice sindaco , sono andate reti idriche e fognarie, patrimonio rurale, foreste e verde pubblico;

Fabrizio Bagozzi, risparmio energetrico e agricoltura;

Giada Bagozzi politiche giovanili e attività sociali nonché cultura, istruzione, associazioni e volontariato.

 

Ma ad affiancare gli assessori ci saranno i consiglieri delegati a cui è stato demanandato un mansionario. A Mattia Tarolli è stato assegnato il consorzio miglioramento fodiario e malghe;

Nicole Valenti di Bondo consorzio turistico e aspetti sanitari;

Armando Bagozzi vigilanza boschiva;

Ivan Pozzi rete delle riserve;

Fabrizio Bagozzi Escobim.

All'ente Bim del Chiese è stato riconfermato Remo Andreolli, non consigliere.

Poi ancora malghe e foreste Armando Bagozzi;

corpo vigili del fuoco e protezione civile Fabio Bagozzi; Daniela Mascheri asili e scuole materne;

Maurio Schvalocchi di Riccomassimo politiche energetiche e verde pibblico;

associazioni e sport a Mattia Tarolli

 

 

 

BORGO CHIESE. Il Bici Grill di Condino, situato in localtà Bersaglio, tornerà ad essere aperto al pubblico da metà ottobre. Ad accendere l'insegna Greta Colbrelli, di soli 21 anni, con già diploma ed esperienze varie nel settore.

 

Aperto tutti i giorni: nell'arco della settimana dalla mattina presto alle 5.00, per puntare sul servizio colazioni diretto alle aziende del vicinato e a clienti di passaggio sulla vicina statale del Caffaro; il sabato e la domenica l'apertura sarà alle ore 7.00.

 

L'attività punterà nello specifico sui pasti veloci, con pacchetti personalizzati per pranzi di lavoro, oltre a un menù dedicato ai clienti locali e ai turisti. Inoltre, previsti aperitivi con buffet, con una selezione ricercata di birre e vini, abbinati a taglieri di salumi e formaggi nostrani, valorizzando i prodotti a km 0.

 

La chiusura serale è decisa per le ore 21.00 dal lunedì al giovedì, e alle 2.00 venerdì e sabato. L’estate si investirà su serate Piano Bar il mercoledì, oltre a valorizzare e incrementare il passaggio dei ciclisti, con un punto di ricarica per le e-Bike e una piccola officina per riparazioni autonome in caso di guasti.

 

L’arredamento sarà rinnovato completamente, con uno stile industrial e recyclage: saranno presenti quindi ruote e parti di biciclette riadattate in particolari tavoli e complementi di arredo, oltre ad un’esposizione di magliette di corridori professionisti locali.

 

Greta, che con il comune ha sottoscritto un contratto triennale rinnovabile, ha aperto una ditta individuale e sarà affiancata almeno da un’altra barista.

Il fidanzato Omar Gualdi, invece, HR Manager di BM Group e direttore sportivo della Condinese Calcio, seguirà la parte legata al Marketing, ai rapporti con le aziende e la parte amministrativa.

More Articles ...