25
Sat, Jun

 

CIMEGO. La Hyundai , condotta da un giovane di Condino e diretta alla volta di Pieve di Bono, per cause imprecisate, si è fermata, ruote all'aria. Il conducente, coinvolto nell'incidente, è stato estratto dall'abitacolo con l'ausilio della pinza idraulica dai Vigili del Fuoco di Cimego e Condino.

Le sue condizioni non sono sembrate gravi e gli ambulanzieri volontari di Storo lo hanno trasferito all'ospedale di Tione, dove è stato trattenuto per accertamenti.

L'incidente è avvenuto verso le 13.00 di oggi lungo la statale 237 del Caffaro, all'altezza della Cascina dei Pom in territorio catastale di Cimego, a poca distanza dal raccordo con zona produttiva e commerciale.

La vettura, finendo nel prato, si è capovolta: gli stessi pompieri, coordinati da Erik Gnosini numero uno di Cimego affiancato dal sottordine di Condino Massimiliano Rosa , hanno dovuto aprire un varco tra le lamiere per estrarre il conducente, dolorante ma cosciente.

Non è da escludere che il conducente abbia all'ultimo convenuto di uscire di strada onde evitare un impatto con un'altro mezzo che proveniva in direzione opposta. In tal senso sono indirizzati gli accertamenti, supportati da eventuali testimonianze che la polizia locale sta verificando.

 

 

 

CONDINO. Grande festa a ferragosto a Condino, dove è stato inaugurato il nuovo Centro pastorale. ricavato nella struttura della cinquecentesca canonica restaurata. I lavori sono stati finanziati dalla Provincia e si sono conclusi recentemente.

 

L’evento ha visto la presenza dell’arcivescovo di Trento, Lauro Tisi, che ha celebrato la messa nella Pieve di Santa Maria Assunta. I lavori di restauro della canonica, tutelata dalla Sopraintendenza per i Beni Architettonici della Provincia autonoma di Trento, sono poi stati illustrati al termine della celebrazione alle autorità civili e ai tanti cittadini presenti.

 

"L'auspicio - ha evidenziato l'assessore al turismo, presente a nome della Provincia - è che questo nuovo Centro pastorale possa rappresentare un luogo di incontro, di riflessione e di condivisione per l'intera comunità. L'Ente pubblico ne ha sostenuto con grande convinzione i lavori di ristrutturazione nella consapevolezza di quanto questo Centro possa essere importante per rafforzare la coesione sociale di una comunità. Stiamo vivendo un periodo difficile, come noto, dal quale potremo uscire solamente se sapremo essere uniti, facendo ognuno la propria parte. In questo, il ruolo della Chiesa, rappresentata qui da monsignor Tisi che saluto a nome della Giunta provinciale, è di fondamentale importanza".

La cerimonia si è conclusa con la benedizione, da parte dell'arcivescovo, della struttura rinnovata.

 

 

 

BORGO CHIESE. Nella tratta stradale compresa tra la centrale idroelettrica di Cimego e le Porte la presenza di animali selvatici permane. Anzi, al di là dei ripetuti appelli alla Provincia da parte del sindaco Claudio Pucci e dei colleghi, oltre alle diverse associazioni, un piccolo cervo è stato travolto e ucciso anche negli ultimi giorni. L'animale, in questo caso, dopo aver sbattuto a ridosso della vettura ha riportato lesioni mortali. Non è da escludedre che nell’urto con l’auto l’animale ( del peso di circa 20 chilogrammi) abbia presumibilmente subito la frattura degli arti anteriori. La carcassa, poi squarciata ulteriormente da qualche altro animale, è stata rinvenuta in maniera pietosa a poca distanza.

 

A far rilevare la situazione è stavolta Fabrizio Boldrini che dei cacciatori di Cimego è il rettore.

 

Siamo alle solite considerato che la presenza di cervi, caprioli e cinghiali lungo l'asse stradale del Caffaro non conosce tregua” - ribadisce. Boldrini aggiunge: “ Gli invetistimenti si riscontrano principalmente dall'alba e all'imbrunire, il più delle volte causano danni ai mezzi. Sarà anche perchè gli animali tendono a raggiungere il vicino alveo del fiume Chiese, dove sono soliti abbeverare. Ed è proprio in quello spostamento che avvengono gli investimenti; il tratto rettilineo porta gli automobilisti a sostenere alte velocità”.

 

In alcuni casi, come in quest'ultimo, l'automobilista preferisce andarsene anche se sulla carrozzeria ci sono tracce e ammaccature.

 

Ancora Fabrizio Boldroni. “ Da una nostra conta, solo nel corso di questi sette mesi dell'anno 2020, all'interno di quella zona, gli investimenti mortali hanno riguardato sette caprioli e due cervi”.

 

Stessi riscontri anche a sud di Condino, dove tra l'area di servizio dei Leotti ( località Staide) e la rotatoria successiva , dislocata nelle adiacenze di Agri 90' in territorio di Storo, di carcasse se ne contano in maniera frequente.

 

Un problema, quello degli attraversamenti di animali in queste tratte, che persiste.

 


BORGO CHIESE. L’Amministrazione comunale di Borgo Chiese ha pubblicato in questi giorni due importanti bandi. Il primo riguarda la locazione dell’unico negozio per alimentari di Brione, il secondo invece riguarda la gestione del bar Bicigrill situato sulla ciclabile in località Bersaglio a Condino.

Il negozio di Brione è stato per alcuni mesi chiuso per il fatto che è stato ristrutturato, arredato a nuovo e realizzato anche un locale destinato ad accogliere i multiservizi.

L’impegno preso da questa amministrazione “post fusione” è stato, infatti, quello di cercare il più possibile di avere uguale attenzione per tutte e tre le comunità di Borgo Chiese. Per gli abitanti di Brione la necessità più importante era quella di fare il possibile per garantire la presenza in loco di servizi. Già due anni orsono il sindaco Claudio Pucci assieme alla propria giunta, cogliendo prontamente gli inviti di Provincia e di Federazione delle Cooperative Trentine volti a promuovere la realizzazione di negozi multiservizi nei piccoli abitati di montagna, ha ritenuto, anche in contro tendenza al trend economico del periodo, che fosse necessario fare un importante investimento per la sistemazione del negozio di Brione. L’apertura di un punto vendita con le caratteristiche dei multiservizi in un paese di 120 abitanti significa, infatti, offrire un luogo di aggregazione, evitare il progressivo spopolamento e incentivare quanti vogliono ritornare a vivere in paese.

Il negozio è ora terminato. È costituito da un locale per la vendita dei prodotti alimentari, da un locale multiuso, dai servizi igienici e da una zona ingresso. La locazione avrà durata di sei anni, prorogabili ad altri sei. La locazione viene effettuata mediante asta pubblica, con aggiudicazione all’offerta economicamente più vantaggiosa sulla base di una pluralità di elementi di valutazione, suddivisi fra offerta tecnica ed economica.

Un punto importante è che chi gestirà il negozio potrà attivare diversi servizi in convenzione con l’amministrazione o con altri enti (ad esempio rilascio permesso funghi, consegna farmaci, punto recapito per i pacchi dei corrieri) o altre iniziative o progetti concordati con l’amministrazione comunale.

L’altro bando riguarda invece la cessione in affitto dell’azienda di proprietà comunale “Bar Bicigrill Bersaglio”. Il locale situato nella zona a sud dell’abitato di Condino, sul tratto di pista ciclabile che porta al Lago d’Idro, è utilizzato da ciclisti, da quanti lavorano in zona, ed essendo visibile dalla strada statale, anche da motociclisti e automobilisti di passaggio. Si tratta quindi di un bicigrill ben frequentato e che può offrire nuove possibilità di sviluppo. In questo caso la durata del contratto è di tre anni, rinnovabili per ulteriori tre.

L’Amministrazione si augura che questa attività, pur in tempi così delicati, possa partire e arrivare a pieno regime nel più breve tempo possibile portando occupazione e un buon servizio al territorio.

More Articles ...